Note di Configurazione Avanzata

Personalizzazione del Pannello contestuale

Prima di pubblicare un servizio, è possibile configurare il modo in cui verranno visualizzati i Livelli informativi nel MapViewer di GeoMaster direttamente da ArcMap.

Un esempio, è quello di inserire una descrizione e dei crediti nelle proprietà del layer come mostrato nella figura sotto.

_images/Cap3_img09.jpg _images/Cap3_img11.jpg

Pubblicando il servizio, i metadati relativi al Livello Informativo saranno mostrati (Descrizione, Copyright) nel pannello contestuale della TOC di GeoMaster.

Maggiori informazioni al link ArcGIS for Server - Set map service properties.

Chiamata esterna ad una mappa Geomaster

E’ possibile configurare una specifica mappa Geomaster per essere chiamata da applicativi e gestionali web di terze parti. La chiamata avvia l’applicazione viewer, che a seconda della sintassi, esegue uno zoom ad uno specifico extent, oppure esegue una query sui dati e uno zoom sugli elementi selezionati.

Le chiamate esterne non sono di default disponibili per tutte le mappe, ma solo per quelle esplicitamente indicate nella tabella ‘Mappe_Servizi_Scambio’ del database Geomaster. Per maggiori informazioni sulla modifica dei valori in tabella è necessario contattare i tecnici di One Team.

Chiamata con Zoom all’Extent

Di seguito le 2 sintassi supportate per una chiamata ad una specifica mappa con Zoom ad una specifica estensione geografica:

  • http://[nomeserver]/geomasterViewer/runView.aspx?map=[idmappa]&xmin=[coord.env.x.min]&ymin=[coord.env.y.min]&xmax=[coord.env.x.max]&ymax=[coord.env.y.max]
  • http://[nomeserver]/geomasterViewer/runView.aspx?map=[idmappa]&xpunto=[coord.centro.env.x]&ypunto=[coord.centro.env.y]&raggio=[scostamneto.env.dal.centro]

La pagina da invocare è la seguente: http://[nomeserver]/geomasterViewer/runView.aspx

Mentre i parametri da passare sono di seguito spiegati in dettaglio:

  • map=[idmappa]: dove idmappa è l’identificativo numerico della Mappa Geomaster.
  • xmin=[coord.env.x.min]: Coordinata X minima.
  • ymin=[coord.env.y.min]: Coordinata Y minima.
  • xmax=[coord.env.x.max]: Coordinata X massima.
  • ymax=[coord.env.y.max]: Coordinata Y massima.
  • xpunto=[coord.centro.env.x]: Coordinata X del punto al centro della mappa.
  • xpunto=[coord.centro.env.y]: Coordinata Y del punto al centro della mappa.
  • raggio=[scostamneto.env.dal.centro]: Distanza in unità di mappa attorno al punto centrale.

Warning

Le chiamate esterne richiedono che la mappa Geomaster abbia impostata la visualizzazione libera, cioè accessibile al pubblico senza autenticazione.

Chiamata con Zoom sui risultati di una Query

Di seguito la sintassi da utilizzare per una chiamata con Zoom sui risultati di una Query:

http://[nomeserver]/geomasterViewer/selectService.aspx?naser=esempio&qry=serviceName=cartella/nomeservizio|layerId=n|layerType=polygon|layerQuery=nomecampo=valore&doZoom=true

La pagina da invocare è la seguente: http://[nomeserver]/geomasterViewer/selectService.aspx

Mentre i parametri da passare sono di seguito spiegati in dettaglio:

  • naser=[keyword]: dove keyword è una parola chiave scritta nella tabella ‘Mappe_Servizi_Scambio’ del database Geomaster.
  • qry=serviceName=[cartella]/[nomeservizio]: dove cartella e nomeservizio sono relativi al servizio che contiene il Layer su cui eseguire la query. questa informazione è facilmente identificabile accedendo al servizio dalla Directory di REST del proprio ArcGIS Server (http://[nomeserver]:6080/arcgis/rest).
  • layerId=[n]: dove n è il numero progressivo del layer nel servizio; questa informazione è facilmente identificabile accedendo al servizio dalla Directory di REST del proprio ArcGIS Server (http://[nomeserver]:6080/arcgis/rest).
  • layerType=[polygon]: tipo di Geometria; ammette i valori polygon | polyline | point.
  • layerQuery=[nomecampo]=[valore]: condizione WHERE per la selezione degli oggetti.
  • doZoom=[true]: impostato a ‘True’, dopo l’apertura della mappa all’extent iniziale, esegue uno zoom sugli elementi selezionati dalla query.

Warning

Le chiamate esterne richiedono che la mappa Geomaster abbia impostata la visualizzazione libera, cioè accessibile al pubblico senza autenticazione.

Gestione e personalizzazione dei layout di stampa

È possibile modificare l’aspetto dei layout prodotti con il widget di Stampa, ad esempio, inserendo un proprio logo aziendale, oppure modificando la posizione del (o togliere il) titolo, o ancora aggiungendo delle note personalizzate. Il tutto viene gestito dall’utente amministratore che deve accedere agli .mxd (documenti di ArcMap) contenuti nella cartella “CUSTOM_TEMPLATES” al percorso di installazione del widget di Stampa (es. <DRIVE>:\…\STAMPA_GEOMASTER\CUSTOM_TEMPLATES). Questi sono divisi per grandezza di foglio e orientamento, proprietà riconoscibili dal nome dei file. Ad esempio, il documento contenente il template per le stampe orizzontali in formato A4 si chiama “SERVIZI_A4_orizzontale.mxd”.

Warning

È importante non modificare i nomi dei file dei template di stampa in quanto il corretto funzionamento del widget di Stampa dipende da questi.

A discrezione dell’amministratore, è anche possibile produrre nuovi formati personalizzati, tenendo conto che il sistema di nomenclatura deve essere mantenuto per permettere al widget di funzionare correttamente. Ad esempio: per aggiungere un template verticale in formato “B2” (500 × 707 mm), è necessario:

  1. impostare in un mxd la grandezza del foglio desiderata (in ArcMap: File -> Page and Print Setup)
  2. salvare l’mxd con nome “SERVIZI_B2_verticale.mxd”

Per il punto 1., è consigliabile copiare e modificare un mxd già esistente nella cartella “CUSTOM_TEMPLATES” e salvare con un nome diverso per non doverlo ricreare da zero. Una volta salvato, il nuovo formato sarà presente nell’elenco alla voce “Formato” nel widget di Stampa.

_images/Cap6_img1.jpg